FORMULA PER IL CALCOLO DELLA DATA DI PASQUA

Il concilio di Nicea ha stabilito che la Pasqua deve essere celebrata la prima domenica successiva al primo plenilunio che si verifica dopo l'equinozio di primavera. Ciò significa che la Pasqua è una data fluttuante nel calendario che può cadere tra il 22 marzo e il 25 aprile. Non può, infatti, mai cadere il 21 marzo perchè se il plenilunio avviene il 21 marzo ed è domenica allora Pasqua cade la domenica successiva 28 marzo; cade il 22 marzo, invece, solo se il plenilunio avviene il 21 marzo ed è sabato. Per quanto riguarda la data estrema si tiene conto che il mese sinodico (cioè il tempo necessario affinché la luna si ripresenti con la stessa faccia, cioé si ripete la stessa fase lunare) è di 29gg 12h 44min e 2,78sec che possiamo approssimare a 29gg. Nel caso più "sfortunato" il plenilunio può avvenire il 20 marzo; aggiungiamo 29gg ed arriviamo al 18 aprile ed ipotizziamo che questo giorno sia domenica; Pasqua, allora, cadrà la domenica successiva al plenilunio, cioé il 25 aprile.
Per calcolare la data di Pasqua si può utilizzare la seguente regola di Gauss:


indicando con:
ANNO = anno di cui si vuole calcolare la data di Pasqua,
M = 15 N = 6 nel calendario giuliano
M = 24 N = 5 nel calendario gregoriano (valori validi solo per gli anni dal 1900 al 2099)
A = resto di ANNO/19
B = resto di ANNO/4
C = resto di ANNO/7

allora:

D = resto di (19*A +M)/30
E = resto di (2*B + 4*C + 6*D + N)/7

Nell’applicare le formule di Gauss si tenga presente che Pasqua cadrà il giorno 22+D+E di marzo se questa somma non supera 31, altrimenti cadrà il giorno D+E-9 di aprile.

[www.belvederemarittimo.com]
RITORNO a Calendario

HOME