PAESE MIO di Antonio Amoroso

CARNEVALE 1966


Prima di concludere definitivamente questo viaggio ("Viaggio di un giorno a Belvedere M.mo") voglio ricordare il nostro carnevale: i giovani sono vestiti
con lunghi camici bianchi ed il viso imbrattato del nero carbone: fra le mani alzano dei cartelli di caricature e proteste. E' l'anno 1966.
Ecco un primo piano dello strano corteo dinanzi al Municipio, accompagnato dal lugubre battere del tamburo. La gente guarda, ride, commenta!...

<<<<<<<<>>>>>>>>

Una caricatura è quella che mostra un uomo vestito da donna con un vaso da notte sulla testa: cosa vorrà significare? ...a voi il commento!...

<<<<<<<<>>>>>>>>

Tutte le persone che vi prendono parte sono per lo più miei amici: la scena che di più attira gli sguardi è una lettiga, vi giace un giovane che simboleggia carnevale

<<<<<<<<>>>>>>>>

Carnevale è sulla Piazza Amellino, la lettiga viene posta sul muretto, urge un intervento per salvarlo: due giovani, vestiti da dottori stanno operando di appendicite.
I due neochirurghi sono da sinistra a destra Fabiano Salvatore e De Luca Filippo, il malcapitato re carnevale è Salvatore Vivona



RITORNO
HOME